Analisi: IdV e SeL (il Dottor Jekyll e Mister Hyde della politica italiana)

Puntata di in Onda con vendola, Di Pietro e il cartonato di Bersani
Metto insieme i due partiti di sinistra perché li ritengo uniti dallo stesso destino.
Entrambi sono visti come quelli di Sinistra, la vera sinistra, autentici fino in fondo. Hanno approcci, profondamente diversi da un punto di vista comunicativo, Di Pietro è schietto e molto popolano (se non populista) nei concetti e nelle espressione che fa da contraltare alla ricercatezza di Vendola (secondo me barocco nei modi e anche nella concezione, nel senso che la ricercatezza non è genuina).
Entrambi però hanno un obiettivo: convincere il PD a creare quella coalizione di centrosinistra, possibilmente escludendo i centristi. Il perché è presto spiegato: senza il PD i due partiti sono morti, farebbero la fine  dei vari Verdi o comunisti vari (c’è da dire che anche il PD non potrà mai governare da solo, ma questo lo vedremo un’altra volta).
Dai sondaggi si vede che i due partiti viaggiano tra il 5 e il 10% (dipende dai periodi), dunque assieme (nella migliore delle ipotesi) potrebbe valere quasi quanto il PD da solo; ma senza una “spalla” forte da soli non reggono e cadrebbero verso il 5%.
Spiegazione: se fanno coalizione col PD possono “vendersi” come Sinistra Vera (non come l’ambiguo PD), i puri e duri etc etc e raccoglierebbero molti voti degli elettori PD che sognano un centrosinistra forte (nel 2008 l’IdV raddoppiò i propri voti rispetto al 2006 proprio perché era l’unico alleato del PD e se oggi vale tanto deve sempre ringraziare il PD). La seconda ipotesi è andare da soli (ipotesi lanciata nel programma di cui ho messo il link sopra) ma non sarebbero visti come alternativa “credibile” in grado di governare, mentre il PD sì e dunque ci sarebbe l’effetto alle urne opposto a quanto detto poche righe prima.

Effetto Francia Dalla francia arrivano notizie sia positive che negative: da un aparte la vittoria di Hollande sembra presagire un cambio di rotta verso sinistra di tutta l’Europa e dall’altra porta al famigerato “doppio turno” (proposto da Berlusconi pochi giorni fa) che i due non vorrebbero mai avere perché ridurrebbe il loro peso politico.

Effetto Grillo Grillo sta portando via i voti proprio a questi due partiti di lotta, da sempre contro la casta (però da molto anche in politica), che usano slogan populisti e contro gli sprechi della politica (non sto dicendo che le due cose vadano per forza a braccetto ma a volte capita). Loro come rispondono? Dal video postato sopra tratto da “In Onda” direi che rispondono a parole, usando frasi del tipo: “a noi no ci interessano le alleanze”, “è politichese”, “dobbiamo avvicinarci alla società civile” etc etc cose che da qualche tempo tutti i politici hanno messo in atto ma senza convincere molto (e loro non fanno eccezione).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...