Berlusconi si ricandida: quando non si riesce a vedere oltre al proprio naso.

Ed ecco la brutta notizia: quando sembra che la politica (almeno del centrodestra) possa avere una svolta tutto torna indietro.

Berlusconi vuole tornare in campo.

Perché tutto questo è negativo?
A prescindere dalla mia preferenza, o meno, verso la figura di Berlusconi; il problema si chiama “cambio generazionale”.

Se si vuole che le cose cambino in questo Paese non si può mettere la politica nelle mani delle solite persone.

Il sondaggio che ha convinto Berlusconi dice che il PDL con Berlusconi vale più del PDL con il solo Alfano: “grazie tante!” Continua a leggere

Grillo accusa Napolitano: ma la sua ricostruzione è fantapolitica.

Ieri è uscito questo articolo sul blog di Beppe Grillo, titolo: “Previsioni elettorali” (ne avrete sentito parlare perché ne hanno parlato anche molti giornali).
L’immagine recita: “Il movimento cinque stelle contro tutti“; tutto vero anche perché è lo stesso Grillo a volersi mettere contro i partiti (i partiti pur di prendere voti si alleerebbero con lui). Eppure Grillo continua ad interpretare il ruolo di piccolo movimento contro il sistema e che il sistema vorrebbe epurare: così leggiamo nel suo articolo di una congettura da parte (addirittura) del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano!

Ora ci sarebbe da controbattere punto per punto ma preferisco focalizzarmi sulla contraddizione maggiore. Grillo si lamenta che Napolitano voglia far cambiare il Porcellum per evitare che il M5S possa prendere il premio di maggioranza (primo scenario dell’articolo di Grillo), per poi contraddirsi nel secondo scenario dicendo (cito testualmente): “… la ritrosia dei segretari di partito a mollare il Porcellum che consente di eleggere madri, amanti, figli e cognati.”.
In poche parole se lo eliminano lo fanno per svantaggiare Grillo, andando contro il volere popolare, se invece rimane tutto così com’è lo fanno per poter eleggere dei servi andando così contro il volere popolare. Continua a leggere