La sfida delle primarie su Sky: un’analisi più televisiva che politica.

La sfida di ieri sera su Sky è stata interessante, non tanto per ciò che hanno detto i candidati, ma serviva a dare un segnale, per consolidare una tradizione di dibattiti politici pre elettorali che non siano i soliti talk show.

Secondo me il format andrebbe un po’ ad esempio aggiungendo la possibilità di controbattere sempre almeno una volta, ovviamente questo comporterebbe un allungamento di tempo per ogni domanda, al che bisognerebbe diminuire il numero di domande. Questo cambiamento porterebbe ad avere un dibattito un po’ più animato e che vada un po’ più in profondità (evitando degeneri da rissa televisiva).
Inoltre eliminerei le domande fatte dal pubblico/sostenitori di uno dei candidati, le domande fatte erano tutte abbastanza inutili (a parte la gaffe su Oscar Giannetto che ha scatenato l’ironia sul web). Anche il pubblico presente in sala era inutile, si notava solo quando con gli applausi bloccava il discorso di uno dei candidati, va bene che lo studio era quello di X-Factor ma questo dibattito è cosa seria.

Molti si sono chiesti chi fosse il vincitore di questo scontro; secondo me nessuno. Nel senso che nessuno ha surclassato gli altri. Tutti i partecipanti sono sembrati preparati, alcuni “bucano” lo schermo più di altri, ma non mi pare che nessuno abbia prevalso (anche il tipo di format con domande brevi e senza contro risposta ha appiattito le personalità dei presenti).

Volevo menzionare una proposta di Tabacci, proprio perché l’ho trovata interessante e volevo proporla pure io con un post apposito qualche giorno fa. La proposta è quella sul Presidente della Repubblica.
La carica dovrà essere rinnovata subito dopo le politiche e come al solito ci sarà il toto-nomi. Tabacci proponeva di candidare Mario Monti perché sarebbe un ottimo garante della stabilità e della responsabilità dell’Italia verso gli altri Paesi.
Mi pare un’idea perfetta, inoltre si andrebbe a eliminare il problema del Monti-bis, i mercati e gli altri governi sarebbero rassicurati da vedere la presenza di Monti in un’alta carica istituzionale e allo stesso tempo si impedirebbe di dover fare un nuovo governo tecnico o con strane maggioranze.

Per le riflessioni sui vari candidati del centrosinistra creerò un apposito post fra qualche giorno. Oggi mi limito a constatare la buona riuscita del dibattito (anche se un po’ lungo e noioso) e il buon lavoro fatto dal giornalista-presentatore Gianluca Semprini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...