Sciopero generale in tutta l’UE, voci dal basso di un sentimento unitario?

Ieri c’è stato uno sciopero generale in tutta Italia, nel nostro Paese siamo abituati agli scioperi, sia quando le cose vanno bene sia quando le cose vanno male. Non è una critica allo sciopero in sè, è che a volte se n’è abusato, infatti in questo periodo di grande crisi non c’è stata un’impennata di proteste (come invece si poteva pensare).

Allora cosa aveva di interessante questa manifestazione?
Da quello che avete sentito ai telegiornali perché ci sono stati forti scontri, ma a mio avviso il fatto importante era che in tutta Europa si scioperava e non solo in Italia. Era il primo sciopero organizzato a livello europeo e nessuno si è sottratto, neppure in quei Paesi dove le cose vanno meglio (come ad esempio la Germania).

Questo è un chiaro segno che i esiste un forte sentimento europeista nella popolazione, che pur nella difficoltà sa che la risoluzione passa attraverso una UE più forte e non attraverso la divisione. Secondo me questo è un ulteriore impulso dal basso verso un’unione politica europea più stringente.

Da cosa si potrebbe iniziare?
Ad esempio parlando al mondo con una sola voce, ovvero avere una politica estera comune e soprattutto un esercito comune, questo porterebbe anche ad un enorme risparmio economico. Avere 27 eserciti nazionali diversi vuol dire apparati burocratici, strutture e spese per la ricerca divise e poco efficienti ed influenti.
Un atto del genere non sarebbe solo un gesto simbolico per unire l’Europa (come lo è il programma Erasmus), ma un passo decisivo verso la creazione di un grande stato europeo.

So benissimo che gli Stati nazionali sono contrari alla perdita di sovranità, infatti sono i momenti di crisi come quella attuale che portano alle più grandi riforme. La Germania stessa, per bocca della cancelliera Merkel, ha detto che per uscire dalla crisi ci vuole un’unione politica più forte.
E come spesso accade sono i cittadini i primi ad andare verso quella direzione e solo dopo arrivano i politici ad istituzionalizzare il sentir comune.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...