La moda della diretta streaming. #NonèBallarò (ma poco ci manca)

Stamattina ennesima diretta streaming, si trasmetteva l’incontro tra Bersani (accompagnato da Letta) e i rappresentanti del M5S Crimi e Lombardi. Dietro, in seconda e terza fila, c’erano altri rappresentanti del Movimento 5 Stelle che non hanno proferito parola (e non ho ben capito che ci stavano a fare dato che c’era lo streaming).

Bersani ha anteposto un ragionamento sull’attuale momento sociale, politico ed economico dell’Italia, dopodiché ha chiesto al M5S di appoggiare un esecutivo di cambiamento o almeno di non ostacolarne la nascita. Come già largamente anticipato, i due capigruppo della Camera e del Senato hanno risposto “picche”.

C’è stato un botta e risposta che ha impressionato chi seguiva la diretta; la Lombardi, con una battuta, dice: “mi sembra di essere a Ballarò”, ma Bersani subito la gela dicendole: “non è Ballarò, il governo è una cosa seria”. Immediata la creazione su Twitter dell’hashtag #NonèBallarò.

Oltre a questo però nulla. I fatti politici sono zero, in parte la colpa è dell’inamovibilità del M5S (che non voglio ora giudicare, sono scelte politiche ed elettorali) e dall’altra della diretta streaming.
Però la politica è anche mediazione, a volte bisogna saper trattare, il che non vuol dire automaticamente inciucio. Per trattare bisogna fare proposte e controproposte, così fino a quando non si trova un punto di incontro e di equilibrio tra le parti. Le proposte, essendo varie, non sempre possono essere ben viste dall’elettorato ma servono a capire quale strada intraprendere.
Senza la “segretezza” della conversazione si avrebbero degli incontri utilizzati per ratificare quanto già deciso prima e non per portare avanti un discorso e un dialogo complesso. In definitiva si avrebbero delle conferenze stampa camuffate da discussioni e si acuirebbero le distanze tra gli interlocutori.

Lo si è visto con la direzione del PD (quella in cui Bersani tirò fuori i famosi 8 punti), che casualmente finì senza nessuna voce contraria. Lo si è visto oggi, dove Crimi e la Lombardi sembravano gli avatar in carne ed ossa di Beppe Grillo e Casaleggio. La discussione interna ai gruppi parlamentari del Movimento 5 Stelle c’è stata, ma non è stata trasmessa, si è preferito mostrare l’unità granitica del movimento e uno scontro muro contro muro con l’avversario politico; come succede tutti i martedì a Ballarò.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...